Il territorio di Aresi durante la dominazione Spagnola

    
In seguito alla conquista Aragonese, nel 1323, anche in Sardegna si instaur˛ il feudalesimo, che finý nel 1841. I feudi reali dipendevano direttamente dal Re che li faceva amministrare da funzionari di sua fiducia, in alcuni casi veniva eletto "l'Official", che era un amministratore scelto tra i capi famiglia pi¨ importanti del feudo. Il territorio del basso Sulcis era scarsamente popolato e i villaggi erano isolati tra loro per l'inadeguatezza delle vie di comunicazione. Il capo villaggio si chiamava "Major"e i "Juratos" (consiglieri), lo aiutavano nell'amministrazione.

 Dal 1481 (e probabilmente anche prima) al 1488 il territorio che comprendeva gli attuali Comuni di Sant'Anna Arresi, Giba, Masainas, Piscinas,  apparteneva a Bartolomeo De Gerp della Signoria di Piscinas che li vendette a Giacomo Aragall della Signoria di Palmas, la quale comprendeva anche i territori degli attuali Comuni di Narcao, San Giovanni Suergiu, Perdaxius e Nuxis. 

Dal 1513 al 1519 i possedimenti della Signoria di Palmas furono confiscati e  tornarono in diretto possesso della Corona. 

Dal 1519 al 1597 vennero concessi alla famiglia Bellit di origine catalana (Ludovico, Antioco e Giovanni). 

Dal 1597 al 1629 il feudo pass˛ a Ludovico Gualbes di origine catalana, nel 1608 si ebbe il passaggio in Contea e nel 1627 in Marchesato. 

Dal 1629 al 1700, il Marchesato di Palmas, venne concesso alla  famiglia Brondo (Francesco Lussorio, Felice, Antonio, Agostino e Maria Ludovica) e si ebbe, inoltre, il passaggio dalla concessione feudale alla concessione allodiale. Le principali differenze tra questi due tipi di concessione, consistevano nel fatto che nella prima il feudatario aveva degli obblighi verso la Corona quali il servizio militare obbligatorio e altre prestazioni, mentre nella seconda il feudatario era pi¨ indipendente e la successione avveniva per via ereditaria senza intercessioni del Re.

 Mentre la Signoria di Piscinas f¨ l'unico feudo posseduto da Bartolomeo De Gerp,  il feudo di Palmas era inserito in un insieme di possedimenti pi¨ vasti di territori anche non vicini tra loro, quali, Giojosa Guardia (Villamassargia), Acquafredda (Siliqua), Nuraminis, Monastir, Planargia. Questo dato Ŕ risultato importante nello studio dell'ipotetica torre costiera di Porto Pino che viene citata in un documento (di epoca successiva alla dominazione spagnola) in zona Sarri di Villamassargia, probabilmente in quel periodo i Feudi di Villamassargia (Giojosa Guardia) e Palmas appartenevano ancora ad un unico feudatario.

 Nel 1720, in seguito al trattato di Londra del 2 agosto 1718, la Sardegna viene ceduta ai Savoia ma il feudalesimo continuerÓ sino al 1841. Con legge 14.04.1853 il Sulcis venne diviso in 5 comuni (Serbariu, Santadi, Palmas Suergiu, Narcao e Villarios-Masainas). Il Comune di Villarios-Masainas  divenne Comune di Giba nel 1859 e Sant'Anna Arresi vi appartenne fino al 1964, anno in cui divenne Comune autonomo.

Per maggiori approfondimenti vi consiglio di consultare i testi riportati nella sezione bibliografica.

  

Bibliografia